giovedì 23 luglio 2009

[...] Se mi tagli la testa cosa dirai? Me e la mia testa o me e il mio corpo.Che diritto ha la mia testa di chiamarsi me! Sono solo un inquilino di questo stabile! [..]
L'inquilino del terzo piano - Roman Polanski - 1976


Una riunione di condominio. Per me una cosa astratta. Piuttosto che andarci mi sarei tagliata un piede. Purtroppo è stata un imposizione, la presenza era fondamentale. Qui di seguito descriverò alcuni personaggi che hanno popolato questa indimenticabile serata:
L’amministratore
Il suo idolo è Aldo Biscardi e l’amministratore dal suo idolo prende tutto: movenze, enfasi nelle proposte, ma soprattutto l'italiano, che presenta gravi lacune. L’amministratore non ama fare discorsi, ma quando ci prova salta inesorabilmente tutte le parole che non gli vengono in mente in quel momento, rendendo il monologo totalmente incomprensibile. L’amministratore ha tutto sottocontrollo, fortunatamente ad ogni problema che gli viene segnalato lui si era già mosso, aveva già parlato con qualcuno che però non aveva fatto il proprio dovere mettendogli così i bastoni tra le ruote. Un lavoro difficile il suo, ma tiene banco ed è l’idolo della folla. Confermato tra gli urli e i fuochi artificiali
L’impicciona
Sa tutto di tutti. Mette becco in tutto di tutti. Ogni cosa successa in quel condominio lei l’ha vista. Ti squadra subito e (ne sono certa) a casa tiene segretamente uno schedario dettagliato di tutte le persone del condominio (anche del gatto). Spesso si fa giustizia da sola intervenendo direttamente a sedare situazioni pericolose (es. tirando le patate ai clienti della pizzeria), ma la maggior parte delle volte si limita a osservare e basta, prima o poi quello che ha visto verrà a galla e qualcuno chiederà la sua preziosa consulenza.
Il vecchio rompiscatole
Al povero vecchio rompi…… ne succedono di tutti i colori, e purtroppo sono tutte esperienze terrificanti. Ieri per esempio è salito in solaio e ha trovato la porta aperta, bada bene non socchiusa, aperta! Come se non bastasse, ogni qualvolta debba far uscire la sua potente macchina dal box, sopraggiunge uno spiacevole impedimento, solitamente causato dai motorini parcheggiati sempre male dai GIOVANI. Un capitolo a parte infatti è dedicato alla sua costante lotta contro i GIOVANI. Lui ne esce fortunatamente sempre vincitore e la moglie annuisce con fierezza pensando: "donne frenate i vostri entusiasmi, quest'uomo è mio!!"
Lo svogliato (di questa categoria io ne faccio parte)
Lo svogliato passa tutta la serata a scrutare l’orologio, soffocare sbadigli e pensare a tutto quello che avrebbe potuto fare quella sera invece di passarla lì con quei pazzi. Picchia violentemente la testa contro gli spigoli del tavolo, lotta con le zanzare, vorrebbe spaccare una fotocopiatrice, magari fracassandola in testa alla moglie del vecchio rompiscatole, solo per ammazzare la noia. Non riesce a comprendere come si possa andare avanti tre quarti d’ora a parlare delle cassette della posta. Lo svogliato non concede facilmente sorrisi, neanche alle esilaranti battute dell’amministratore.
Il riflessivo
Per la mia disperazione, il riflessivo viene chiamato in causa al punto 4) della riunione. Il terribile “varie ed eventuali”. Sarebbe l’ultimo punto, quando sembrava ormai fatta ed io già pregustavo un rientro anticipato. Il punto 4) invece occupa la maggior parte della serata perché il riflessivo viene chiamato in causa in merito alla terribile disputa CONDOMIONIO Vs PIZZERIA. Il riflessivo descrive la vicenda con dovizia di particolari. Il riflessivo infatti non tralascia nulla e con la grinta di un bradipo in letargo racconta, racconta, racconta, fino a quando il mio cervello non ce la fa più, esce dalla testa si porta via le chiavi di casa. Mi troveranno sul divano con l’amico ventilatore,a leggere. Mentre il mio corpo rimarrà lì su quella sedia eternamente e a fine riunione sarà irrimediabilmente putrefatto.
Voglio una casa senza vicini.

13 commenti:

  1. Grazie ragazza...per aver scovato questo pezzo esilarante alla Stefano Benni...mancava solo il Dottor Niu alla riunione...B/M

    RispondiElimina
  2. Cara Cristina, non hai pensato a portarti un thermos del tuo ottimo caffè e offrirlo a tutti: avresti fatto imputridire loro e ti saresti liberata contemporaneamente di tutti i vicini, amministratore biscardiano compreso... ;-Þ Guido

    RispondiElimina
  3. come puoi amare il cinema e non apprezzare le riunioni di condominio? in genere sembra di stare in un film di monicelli :)

    RispondiElimina
  4. Io invece voglio una casa con un solo vicino, tu. :)

    - io le riunioni di condominio le ho sempre saltate, ci mando la padrona di casa.. -

    RispondiElimina
  5. Per sunduv: era per risollevarti il morale.
    Alla prossima riunione ci sara' sicuramente anche il dott Niu :)

    RispondiElimina
  6. Per nonanomimo: Gu quello si chiama omicidio di massa!Il mio caffe'conservato in un thermos e' come l'arsenico liquido.

    RispondiElimina
  7. Per Gary Coopo: sicuramente si, ma dopo due ore con "il riflessivo" e'pari ad una tortura :)

    RispondiElimina
  8. Per Goz: Groucho io e te: i vicini di casa perfetti! [ ma non chiedermi di farti il caffe'ho gia' infettato troppe persone].

    RispondiElimina
  9. ultimamente se sono giu' di morale vengo da te e mi passa.mi fai sempre sorridere.
    non ti dico buona domenica, perche' lo sara' sicuramente visto dove sei e con chi sei :-)

    RispondiElimina
  10. Senti: la prossima volta che ci incontriamo, fammi assaggiare il tuo caffè. Male non può farmi, sai che sono stravaccinato con il nescafé... ;-) Guido.

    RispondiElimina
  11. Gu con te non avro' lamentele :)

    RispondiElimina
  12. Per ZTL: grazie, sono sempre socialmente utile.
    [andare da fid/fur fa sempre una buona domenica]

    RispondiElimina
  13. Puoi scommetterci, Cristina! ;-))) @

    RispondiElimina