venerdì 13 febbraio 2009

[...] Le persone che cercano di far diventare peggiore questo mondo non si concedono un giorno libero, perchè dovrei farlo io? [...]

[...] Robert Neville poso' lo sguardo sui nuovi abitanti della Terra. Sapeva di non essere uno di loro; sapeva di essere un anatema, un orrore, un nero da distruggere, come i vampiri. E quell'idea lo colpi' come un fulmine,distolgendolo persino dal dolore.
Un risolino strozzato gli riempi' la gola. Si giro'. e si appoggio' alla parete mentre ingoiava le pillole. Il cerchio e' completo.Un nuovo terrore prende forma dalla morte, una nuova superstizione penetra la fortezza intaccabile dell'infinito.
Io sono leggenda.
Richard Matheson - Io sono leggenda -


in attimi d’oblio. Nulla mi ferirà, non l’alba, così incostante. non lei, nei suoi silenzi. Come una nuvola sporca di pioggia rimango immobile.

6 commenti:

  1. Scordata di mettere il titolo del film.
    "L'ultimo uomo sulla terra" Sidney Salkow - 1964 -

    RispondiElimina
  2. lasciati trascinare dal vento...

    RispondiElimina
  3. ne è passato di tempo da quando ragazzina ascoltavi memo remigi...

    RispondiElimina
  4. non c'è tregua. inutile continuare a sedersi sul pizzo della sedia pronti a scattare poichè ci sentiamo soli nella corsa...e pur condividiamo abbondantemente le nostre indignazioni...

    RispondiElimina
  5. nuvola...ma candida...meravigliosamente candida come il peccato...P.

    RispondiElimina
  6. No, l'alba non ti ferirà.
    Ma ti farà vedere, t'illuminerà,
    nuvola foriera di pioggia.
    Nera come due occhi neri.
    E immobile, nell'improvviso oblìo
    di tutta la natura stupita,
    esordirai con il fragore di un fulmine.
    E sarà la pioggia ripulente.
    Ti attendo...

    RispondiElimina